Archivio




La stella di Matera che può riscattare il sud

18/10/2014

Sull’orizzonte si accende una stella. Lo sfondo è quello del Sud dimenticato. Matera, capitale della cultura 2019, è molto di più che la vittoria di una piccola città contro le blasonate concorrenti del Nord: rappresenta una speranza. È l’occasione per restituire fiducia alle donne e agli uomini di quella parte dell’Italia, che ogni giorno scontano pregiudizi e sconfitte, perché cittadini di territori che la cronaca racconta con il segno meno. La bella Matera, con i suoi Sassi, ma senza un treno che la raggiunga, né strade veloci, diventa il simbolo del cambiamento possibile. L’investimento nella cultura non è solo nelle suggestioni dei luoghi, nelle architetture preservate sin dalle ere neolitiche, l’investimento è nel capitale umano. Il meridionalista Guido Dorso scriveva che «il Sud non ha bisogno di carità, ma di giustizia, non di aiuto, ma di libertà, non solo come valore democratico, ma come liberazione da un sistema negativo». Perché «la questione del mezzogiorno è soprattutto un problema di sviluppo civile» come ha poi spiegato Paolo Sylos Labini. Sviluppo, che è una nozione diversa dalla crescita, misurata sull’aumento dei beni e dei servizi, dunque sui consumi; sviluppo, in quanto disegno unitario di una comunità, che si espande nell’economia, nelle sue istituzioni e nella cultura. Potrebbe essere giunto, allora, come suggeriva Kafka, «il momento giusto per svegliare il futuro addormentato», rieducandosi ai sogni e scegliendo l’azzardo. L’obiettivo, quello di fare di una città speciale come Matera, in una piccola regione come la Basilicata, il laboratorio di un modello di sviluppo per il riscatto del Sud. Per Italia, una sfida magnifica, che passerà per le tante teste e i cuori, capaci di scelte forti, verso un cambiamento prima di tutto etico e culturale, da opporre all’attuale degrado. Non è il sapere il petrolio del XXI secolo, come proclama la moderna economia? Per Matera, in più ci sono i pozzi di petrolio. La marginalità potrebbe dunque essere sconfitta: i giacimenti non mancano.

"Corriere della Sera"

Radio Popolare 16 ottobre 2014, in attesa
della proclamazione della Capitale europea della cultura 2019
Radio Popolare 17 ottobre 2014 Designazione di Matera a Capitale europea della cultura 2019